Come scegliere un corso di formazione: le tre domande fondamentali

L’offerta didattica professionale oggi è fin troppo ricca, e non è sempre facile orientarsi sulla scuola e sui docenti giusti per noi

 

L’ambito della formazione professionale rivolta a chi lavora, o a chi vorrebbe lavorare, in un determinato settore (nel nostro caso quello della computer grafica, ma non soltanto) è oggi sempre più affollato.

A seconda delle proprie necessità e dei propri desideri, c’è un numero infinito di corsi, organizzati da moltissime scuole diverse, tra i quali è possibile scegliere, e districarsi all’interno di questo complicato panorama è tutt’altro che un’operazione semplice.

Il rischio è quello di orientarci su lezioni che non rispondano esattamente alle nostre esigenze, o di incappare in centri che non si rivelino validi e seri: insomma, di sprecare il denaro che invece si intende investire nella propria crescita.

Per darvi una mano ad orientarvi nel mezzo di questa intricata giungla, abbiamo deciso di mettere in fila tre domande fondamentali a cui dovrete dare le vostre risposte personali, e una serie di consigli che vi aiuteranno a scegliere il vostro corso ideale.

 

1) Quale corso di studi fa per te?

Questa è la prima domanda da porsi quando si inizia la ricerca di un percorso formativo, e dipende strettamente dagli obiettivi personali che l’allievo si pone.

Se volete acquisire una competenza specifica, meglio prediligere un corso più particolareggiato, che vi insegni tutto quello che c’è da sapere sul singolo argomento.

Se invece il vostro scopo è, più genericamente, quella di ampliare le qualifiche professionali, forse sarà più adatto un piano di studi più ampio, che vi conferisca una serie di capacità da poter applicare nel mondo del lavoro.

Dare un’occhiata agli annunci di ricerca di personale che riguardano il settore industriale al quale ci si intende rivolgere è un buon metodo per capire quali sono le aree di formazione più utili al fine di ottenere un impiego.

Diverso è il caso di chi si affaccia ad un tema per semplice curiosità o passione: in tal caso non è ovviamente necessario preoccuparsi del fatto che il corso che si sta scegliendo faccia curriculum.

Infine, il livello del corso dovrà essere coerente con le conoscenze che già possedete: di base se partite da zero, oppure avanzato se già padroneggiate qualche nozione della materia che si andrà a trattare.

 

2) Quali sono i tuoi criteri di selezione?

Una volta identificato il corso di studi più adatto a noi, bisogna orientarsi all’interno della ricca offerta di insegnamenti in quello specifico campo. È importante innanzitutto tenere conto delle questioni logistiche e di quelle economiche.

Fate attenzione ai costi inclusi e a quelli esclusi nel prezzo che vi viene proposto, ma anche ad eventuali ulteriori esborsi di denaro richiesti per sostenere gli esami: quando si affronta un percorso di apprendimento, si sta a tutti gli effetti investendo sulla propria crescita personale, quindi è molto importante ragionare su quanti soldi si è disposti a spendere e soprattutto come.

In alcuni casi può essere una buona scelta quella di rivolgersi ai corsi online, invece che a quelli in aula, per via dei prezzi inferiori (dovuti alla mancanza di costi per l’affitto e la gestione delle strutture fisiche e degli impianti) e della totale flessibilità di tempi. Ma un altro criterio di selezione riguarda il metodo pedagogico, la cui efficacia è fortemente legata ai gusti personali e al percorso dello studente: c’è chi preferisce corsi più pratici, volti ad acquisire esperienza sul campo, e chi quelli teorici.

L’obiettivo deve essere quello di trovarsi a proprio agio per tutta la durata del percorso di formazione, in modo da mantenere sempre la motivazione a continuare e ad impegnarsi a fondo.

 

3) Ti puoi fidare della scuola e dei suoi docenti?

La variabile cruciale di qualsiasi corso di formazione riguarda ovviamente la qualità dell’istituto, del materiale che mette a disposizione, e dei suoi insegnanti.

In particolare, è fondamentale assicurarsi non solo che questi ultimi siano dotati di esperienza pregressa sul fronte della didattica ma anche di specifiche qualifiche professionali nel settore di riferimento: vale dunque la pena di capire dove abbiano lavorato, per quanti anni, a che tipo di progetti abbiano partecipato…. Per questo, una volta selezionati i nomi di 5-7 potenziali centri di formazione che trovate interessanti, cercate di raccogliere quante più informazioni possibili su di loro: sui propri siti ufficiali, sugli eventuali forum specializzati che vi riportano i pareri e le recensioni degli studenti, o direttamente dai professionisti del settore.

Se vi è rimasto qualche dubbio, non esitate a telefonare alla scuola, pretendendo che vi forniscano le risposte a tutte le vostre domande: in particolare i nomi dei docenti che saranno effettivamente presenti in aula nel periodo del vostro corso.

 

Nel campo della computer grafica, per fortuna, c’è un modo molto semplice e veloce per otttenere tutte le informazioni necessarie alla scelta: la guida gratuita di NUTS ai migliori corsi di VFX, Motion Graphics, Concept Art, Matte Painting, 3D, Game Design e Animazione.

Basta scaricarla gratuitamente per trovare elencate tutte le migliori scuole italiane, divise per categoria, con tanto di offerta didattica, durata, sede, costi e link utili.

Più facile di così!