Game Designer: chi è e cosa fa il “genio” dei videogames!

Cosa significa ideare un videogioco: il lavoro del professionista dietro le quinte.

 

Quando si parla di videogiochi spesso pensiamo che ciò che unisce il giocatore al divertimento sia solo una semplice console.

Ed è qui che tutti ci sbagliamo. Andiamo a capire cosa si nasconde dietro le quinte e in particolare qual è una delle figure principali senza la quale tutto questo non potrebbe aver luogo.  Stiamo parlando del Game Designer, o anche definito sviluppatore di giochi, che ha come compito principale quello di scrivere le regole e la struttura degli stessi. La mente, il pensiero, l’idea, l’archè di tutte le cose….dal Game Designer nasce l’idea di tutto il “contenuto” del videogioco. Qualcuno ha detto che il Game Designer è il risultato dell’incrocio tra un artista, uno scrittore ed un programmatore. Infatti deve avere una visione artistica completa (artista), deve scriverne le regole (scrittore) e deve avere la capacità di supervisionare (se non contribuire) alla fase tecnica di programmazione (programmatore). Alcuni dei suoi compiti più specifici sono ad esempio:

  • Definire i giocatori (chi sono, quanti sono, come sono relazionati tra loro);
  • Definire l’obiettivo (cosa devono fare i giocatori)
  • Definire le regole (come si gioca, come gli elementi del gioco interagiscono tra loro, come e quando il gioco finisce)
  • Definire le informazioni di gioco
  • Definire le sequenze di gioco

I Game Designer sono insomma professionisti che hanno un forte potenziale creativo in quanto portano alla luce storie di personaggi immaginandone a priori le regole, le interfacce, gli ambienti, i dialoghi.

Ovviamente con la repentina evoluzione dei videogames, il Game Designer oggi non ha in suo possesso tutte le competenze necessarie per il loro sviluppo.

Per la realizzazione di capolavori a livello mondiale come ad esempio “Assassin’s Creed: Origins” (Ubisoft) o “Divinity Original Sin 2” (Larian Studios) la sola figura del Game Designer non è sufficiente, deve infatti necessariamente avvalersi della collaborazione degli altri componenti del team (Art Director, Concept Artist, 3D Artist, programmatori etc.).

Non è semplice essere un bravo Game Designer, bisogna avere una buona cultura approfondita del settore, un’ottima conoscenza delle strutture, dinamiche e regole dei giochi tradizionali, una conoscenza specialistica dei videogame su tutte le piattaforme (PC e console), una grande creatività e una sensibilità a riconoscere i gusti del pubblico in modo da realizzare un prodotto vincente.

Fortunatamente la figura del Game Designer sta ricevendo il giusto riconoscimento, tant’è che anche in Italia negli ultimi tempi è possibile formarsi come professionista di questo settore grazie all’offerta didattica che molte scuole mettono a disposizione.

Per scoprire quali sono le scuole ed i corsi attivi in Italia per imparare la professione del Game Designer, scarica la nostra Guida sui migliori corsi di Computer Grafica in Italia (VFX, Motion Graphics, Concept Art, Matte Painting, 3D & Game Design ed Animazione).