Fumettista ed illustratore, Claudio Avella è un giovane talento nato e cresciuto in una rinomata cittadina della provincia di Napoli, Castellammare di Stabia.

La sua predisposizione per il mondo dell’arte, e del disegno in particolare, si fa viva fin da quando Claudio era ancora un bambino, quando con un foglio di carta ed una matita creava universi fittizi nati dalla sua immaginazione.

Proprio questa passione lo porta negli anni a frequentare gli istituti artistici, partendo dal liceo per passare all’Accademia fino ad arrivare alla scuola Scuola Comix di Napoli, grazie alla quale riesce ad inserirsi nel mondo del fumetto, dapprima lavorando per la Coniglio Editore per poi arrivare a collaborare anche con Zenescope.

Lavora poi per Aspen, Devil’s Due e Shockdom, con i quali realizza il fumetto d’autore Junky Cable e disegna Tiresia.

Autoproduce inoltre Demon’s Daughter e l’artbook Colors. È uno dei fondatori di Artsteady con i quali crea 47 Dead Man Talking, un fumetto horror-umoristico ambientato tra i quartieri di una Napoli infestata dagli zombie.

Crea poi il collettivo Maliestremi coi quali realizza l’antologico Rimedi. Il suo stile trae inizialmente ispirazione dal manga giapponese, per poi pian piano distaccarsi e avvicinarsi sempre di più a un look American Comics e all’europeo, strizzando però l’occhio allo stile autoriale.

Claudio Avella

FACEBOOK | INSTAGRAM