Classe 1988, da piccolo odia disegnare, le maestre della materna mandano persino a chiamare i genitori che si impegneranno a fargli finire i lavori incompiuti a scuola a casa, così viene introdotto, da suo padre, al primo software di disegno, Kid Pix su un Machinotsh II SE.

A sette anni passa da Kid Pix ad Adobe Photoshop 3.0, ma non prenderà in mano una tavoletta grafica fino al 2010, all’età di 22 anni.

Dal 2014 lavora come illustratore e concept artist freelance, collaborando con diversi progetti, che vanno dall’editoria (Future Fiction, Cyberpunkdreams: Cincinnati Stories) ai cortometraggi (Attack of the Cyber Octopuses) al disegno industriale (mothership.aero).

Nel frattempo sta sviluppando il suo progetto personale VHS RIOT; una storia ambientata in un futuro prossimo dove tecnologie obsolete come VHS e nastri magnetici convivono con Intelligenze artificiali e macchine umanoidi.

Guido Salto

WEBSITE