1.  Sappiamo che il tuo approccio al 3D è stato quando hai realizzato come progetto di laurea un videogioco.

Cosa ti ha fatto capire che era proprio questa la tua strada, il tuo futuro? Quando hai deciso o scoperto che volevi essere un artista 3D?

Credo che il caso abbia giocato un ruolo nel fare di me un’ artista 3D. Ho scelto di disegnare i modelli in 3D perché, nel progetto di laurea, non volevo essere un programmatore. Quando abbiamo iniziato a lavorare su questo progetto, decisi di seguire un corso di formazione presso la Trixel Studios. E’ stato molto divertente. Dopo il corso di formazione, finito il progetto di laurea, l’ arte in 3D divenne parte di me.

2.  Quali artisti hanno influenzato la tua arte nel corso degli anni?

Sono molti gli artisti che mi hanno influenzato, non posso citarli tutti e non voglio che nessuno di loro sia lasciato fuori.  Credo che ogni creativo è fonte d’ispirazione per me e per gli altri.

3. Qual è la sfida più grande quando lavori su un nuovo pezzo?

Credo che la grande sfida sia creare. Cerco sempre di trovare eventuali problemi nell’immagine o provare a cambiare qualcosa in modo da renderla migliore. Può sembrare una  sfida tecnica ma è più di un dilemma creativo, poiché  devo cercare di mantenere costante l’energia e l’entusiasmo per tutta la durata del processo.

4. Hai vinto il Middle East Talents Award nella categoria Cars. Parlaci del tuo progetto vincente.

Sì, ho vinto due premi per il Middle East Talents Award, nel 2014 e nel 2015, rispettivamente quello della Ferrari e poi quello della Rolls Royce, L’idea mi è venuta guardando film come Death Race e Mad Max. Fin dall’inizio, il mio obiettivo era quello di creare un modello diverso, unico, in grado di uscire dagli stereotipi e rappresentare qualcosa di non convenzionale.

5.  Che cosa ti piace di più di quello che fai?

Le idee folli e fantasiose che sono in grado di portare alla vita.

6. Che cosa ispira la tua creatività?

Qualcosa di unico e bello; film, opere d’arte e disegni. Seguo una notevole quantità di artisti incredibili, di designer, e faccio un sacco di ricerca. Ancora più importante, ritengo che essere circondato anche virtualmente da persone creative sia importante per l’immaginazione, per le possibilità e per il pensiero creativo.

7.  Se potessi dare 4 consigli a chi vuole intraprendere questa strada, quali sarebbero?

–  Scegliere un’idea che va oltre le proprie abilità perché, anche se pensate di non essere abbastanza bravi, buttatevi comunque. Non potrete mai imparare o migliorare ulteriormente le vostre competenze se non attraverso un’ esperienza che vi sembra irrealizzabile.
–  Uno dei più grandi errori è lavorare senza raccogliere sufficienti riferimenti dopo aver avuto l’idea. Si corre il rischio di  realizzare progetti poveri è incompleti. Ecco, questo è il motivo per cui si dovrebbe fare qualche sforzo in più con la ricerca prima di realizzare un progetto. Questo vi aiuterà a rendere il vostro obiettivo chiaro durante il processo.
–  Non sprecate il vostro tempo e il vostro entusiasmo su dettagli che non si vedranno o che nessuno noterà.
–  Essere padroni dell’utilizzo dei software. E ‘davvero difficile ottenere un’ ottima immagine senza utilizzare Photoshop e questo è il mio tallone d’Achille, perché io non sono un professionista di questo software. Utilizzo invece Magic Bullet Looks che include molte funzioni per quanto riguarda il processo di composizione e post-produzione.

8.  Come ti vedi nel futuro?

Credo che il futuro d’ora in poi sarà un viaggio con i suoi alti e bassi, ma ciò che desidero per me è fare sempre di più, riuscire ad essere migliore come  creativo e come persona.