Intervista a

Mirco Paolini

VFX TD Artist

Ciao Mirco, grazie per essere qui con noi e benvenuto nella nostra piattaforma!

Ciao, grazie a voi!

 

1.  Inizia a parlarci un po’ di te, di come sei approdato al mondo dei VFX?

Sono Mirco Paolini, ho 34 anni e sono un ingegnere elettronico. Vivo a Castelfidardo dove, a 15 minuti di strada, ho anche il mio ufficio dal quale lavoro da remoto.
Sono inciampato nei VFX per caso. Son sempre stato appassionato di cortometraggi e mi ritrovai a girare un corto ispirato al “pozzo e il pendolo” di Edgar Allan Poe.
Questo cortometraggio prevedeva la presenza di ratti così, vivendo in campagna, la prima cosa che feci fu catturarne qualcuno nella notte.
Sfortunatamente la mattina delle riprese scapparono e così mi trovai a pensare a delle soluzioni alternative e mi imbattei in queste nuove tecnologie inerenti alla creazione di personaggi in computer grafica. Ma prima di allora, fin dalla tenera età di 11 anni, ho realizzato effetti sul set, tra cui piccole esplosioni per le animazioni in stop motion con la super 8/8mm (per la gioia di mamma e papà).

Mirco Paolini

WEBSITE

2. Il mondo dei VFX è molto ampio. Da cosa deriva la decisione di specializzarti in simulazione digitali di effetti atmosferici e fluidodinamici?

Passione. Ho iniziato come generalist ma poi mi sono accorto di essere più portato per la parte tecnica, anche venendo da un passato come programmatore. La passione per la fisica, la creazione di catastrofi (finte!) e il mare ha fatto il resto.

3. Parlaci della tua esperienza per il film Fast and Furious 8

Ecco, questa è stata ad oggi la mia più grande soddisfazione lavorativa, perché mio figlio e mia moglie sono le mie più grandi soddisfazioni!
Ho avuto la fortuna di iniziare una collaborazione con la Pixomondo per eseguire dei test interni di fluidodinamica.
Molto contenti del risultato ottenuto, mi hanno commissionato alcuni shot d’apertura del film, dove si prevedevano delle onde che si infrangevano sulla scogliera a l’Havana, durante la gara tra Vin Diesel e il “bulletto” locale.
In seguito l’auto di Vin sarebbe finita in acqua.
Una sfida immensa. Il mare doveva essere calmo ma al tempo stesso le onde contro la scogliera dovevano essere alte.

Ho lavorato a questi shot sotto la supervisione di Nhat Phong Tran e Bahador Mehrpouya. Il tutto è stato eseguito lavorando dal mio ufficio e consegnando assets, look dev e cache allo studio per la finalizzazione interna.

4.  Ci racconti la tua esperienza per il film “il ragazzo invisibile 2” di Gabriele Salvadores, insieme a Victor Perez?

Esperienza davvero breve ma piacevole.
Come per il resto delle produzioni a cui ho lavorato ho svolto la mia parte da remoto per la Frame by Frame, producendo in un tempo relativamente breve uno shot dove la ragazza con i poteri del fuoco sgancia una fiammata da una mano.
La supervisione di Perez e Fabio Cerrito son stati fondamentali!

5. Molta gente continua ancora a confondere gli effetti speciali con gli effetti visivi. Tu come spiegheresti le differenze?

È molto semplice.
Gli effetti speciali sono tutti quelli che si eseguono davanti alla macchina da presa, sul set. Gli effetti visivi sono quelli che si realizzano dietro ad un computer.

6. Per il tipo di lavoro che fai qual è il software con cui ti trovi meglio, quello che secondo te è più performante?

Sicuramente Houdini.
Lo uso oramai da quasi 10 anni ed è quello più vicino al mio modo di ragionare.
L’approccio procedurale, l’uso totalmente ottimizzato delle risorse hardware e praticamente una possibilità sconfinata di customizzarlo e creare tool in maniera molto molto veloce.
Qui in ufficio ho un’intera pipeline basata totalmente su Houdini e un ottimo rapporto con la SideFX, che fornisce prontamente supporto ai suoi clienti.

7. Quali sono le differenze tra fare VFX per un film e farli per un videogame?

Al giorno d’oggi le cinematiche dei videogame possono essere considerate quasi dei veri e propri film, quindi mi sento di dire che differenze fondamentali non ce ne sono 🙂

 

Grazie ancora Mirco e in bocca al lupo per tutto!

Grazie a voi, crepi il lupo!!!