War for the Planet of the Apes è la nona pellicola della ormai famosissima saga de “Il pianeta delle scimmie”, uscita nelle sale cinematografiche nel luglio 2017.

Un film che nella prima settimana della sua uscita registra incassi da record, un successo dovuto in gran parte alla maestria con cui è stato realizzato.

I VFX presenti in questo capolavoro sono perfetti e studiati in ogni minimo dettaglio. Il senior VFX supervisor non poteva che essere lui, Joe Letteri, maestro di CGI e direttore della Weta Digital, nonché vincitore di 4 premi Oscar e 4 premi Bafta nella sua categoria.

Joe e la sua squadra hanno realizzato un prodotto di altissima qualità e questo è facilmente visibile anche guardando pochi fotogrammi della pellicola in cui appaiono quelle che sono le figure protagoniste del film: le scimmie. Questi personaggi generati al computer non solo si avvicinano alla realtà in modo spaventoso, ma riescono a dare allo spettatore una sensazione di umanità, impresa affatto semplice.

La costruzione dei personaggi, le loro movenze, le loro espressioni ti trascinano in un mondo che stenti a credere sia finto e tutto questo è stato possibile grazie all’utilizzo della tecnica denominata mocap (motion capture o cattura del movimento). L’evoluzione negli anni di questa tecnica, in concomitanza con l’evoluzione dei software, ha permesso all’industria dell’intrattenimento di lavorare e offrire prodotti unici nel loro genere.

Per non parlare poi della maestria con cui sono state realizzate e prodotte tutte le ambientazioni, le luci, gli agenti atmosferici e le loro interazioni. War for the Planet of the Apes è un prodotto di CG impeccabile, realizzato da alcuni dei migliori artisti sul mercato con alcune delle migliori tecniche oggi disponibili.

Leggi articolo precedente:
Ian Vicknair Matte Painter

Ian Vicknair è un illustratore e matte painter con esperienza nella produzione di film, marketing e advertising e designer freelance....

Chiudi